Zona gialla, vaccini e green pass: cosa cambia da oggi?

-
10/01/2022

Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana e Valle d’Aosta passano in zona gialla: c osa cambia da oggi in poi? Quali sono le nuove applicazioni del green pass rafforzato? Scopri tutte le novità di oggi 10 gennaio 2022.

Coronavirus-45

Oggi 10 gennaio è una giornata di novità: entrano in zona gialla altre quattro regioni: Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana e Valle d’Aosta. Il Super green pass viene esteso anche a nuove attività e il booster del vaccino anti Covid viene diminuito a 4 mesi dalla seconda dose.


Covid: quali sono le nuove regole?

covid_vaccino-1

A partire da oggi 10 gennaio sono state impiegate delle nuove misure di contenimento per far fronte alla pandemia, dopo l’entrata in vigore dell’obbligo vaccinale per gli over 50. Oggi, alle ore 18, è attesa la conferenza stampa del presidente del consiglio, Mario Draghi, che mostrerà quali sono le nuove regole stabilite dal governo.


Leggi anche: Super green pass: cosa cambia dal 10 gennaio

Intanto oggi, il ministro della Salute Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza che prevede il passaggio in zona gialla di altre quattro regioni: Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana e Valle d’Aosta.

Super Green Pass: a quali attività verrà esteso?

Coronavirus-green-pass-vaccination-passport-1

Quali sono le novità che riguardano il super green pass? Da quanto risulta, fino alla cessazione dello stato di emergenza, le attività alle quali verrà applicato sono: alberghi e strutture ricettive; feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose; sagre e fiere; centri congressi; servizi di ristorazione all’aperto; impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici; piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto; centri culturali, sociali e ricreativi per le attività all’aperto.

Per di più il Green pass rafforzato è obbligatorio anche per usare i mezzi di trasporto, compreso quello pubblico locale e regionale. Fino al 10 febbraio, il ministero della Salute ha consentito, soltanto per motivi di salute e di studio, lo spostamento su mezzi pubblici da e per le isole con semplice green pass (non rafforzato).

Dose boostrer: le novità

Da oggi scatta l’avvio della somministrazione delle dosi booster, richiami dei vaccini anti-covid con l’intervallo ridotto a 4 mesi. Nella circolare, il ministro della Salute, ha stabilito che la vaccinazione è estesa anche alla fascia d’età 12-15 anni:

“E’ raccomandata la somministrazione di una dose di vaccino Comirnaty di Pfizer/Biontech, al dosaggio di 30 mcg in 0,3 ml, come richiamo (booster) di un ciclo primario, indipendentemente dal vaccino utilizzato per lo stesso” e “con le stesse tempistiche previste per i soggetti a partire dai 16 anni di età”.


Potrebbe interessarti: Covid: come riattivare il Green Pass dopo essersi contagiati

Covid: le precauzioni per la scuola

Dato quanto sostenuto dal commissario Figliuolo, oggi tutti i ragazzi sono tornati in aula con tutte le accortezze necessarie, il commissario sottolinea:

“La scuola è pronta. Sicuramente siamo preoccupati, come tutti – ha ribadito il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi intervenendo – Però abbiamo fatto un disposto come governo, approvato all’unanimità, che dà anche delle regole chiare per quelle situazioni precise e puntuali che richiedono anche la distanza”. La scelta della Campania? “Sbagliata e illegittima” ha risposto, commentando l’ordinanza sulla scuola del governatore Vincenzo De Luca che prevede lo stop alle lezioni in presenza per infanzia, primaria e media fino al 29 gennaio. “I nostri tecnici stanno trovando il modo di impugnare questa norma”.

Il commissario Figliuolo ha ribadito, attraverso una circolare, che i test per tutti gli studenti che hanno avuto un contatto con un positivo, saranno gratuiti. Il commissario spiega che, nel momento in cui un ragazzino dovesse entrare in contatto con un positivo la famiglia dovrà informare il medico di base e quest’ultimo, “ove ritenuto necessario, procederà a effettuare autonomamente il tampone ovvero a rilasciare idonea prescrizione medica per l’effettuazione del test gratuito” in farmacia o nelle strutture che aderiscono al protocollo d’intesa.



disclaimer attenzione