Sciroppo Seki: ottimo per sconfiggere la tosse secca e persistente

-
28/02/2020

Sciroppo Seki: ottimo per sconfiggere la tosse secca e persistente

Lo sciroppo Seki è un farmaco da banco molto efficace per combattere la tosse secca ed ostinata, che tende a persistere per diversi giorni senza dare segni di miglioramento. Questo medicinale è consigliato da molti pazienti, che si sono trovati particolarmente bene perchè ne hanno tratto un effettivo beneficio e vale dunque la pena prenderlo in considerazione. Parliamo di un medicinale da banco che non necessita di ricetta medica e si può quindi acquistare liberamente sia in farmacia che online.

Su Trovaprezzi è possibile trovare le farmacie online autorizzate che vendono questo prodotto al costo migliore e lo si può quindi acquistare direttamente, ricevendolo a casa.

Anche se si tratta di un medicinale che non necessita di prescrizione medica, anche lo sciroppo Seki ha alcune controindicazioni che conviene sapere e potrebbe dare vita ad alcuni effetti collaterali indesiderati. Non tutte le persone li manifestano, ma per ridurre al minimo la possibilità che si manifestino sintomi avversi conviene rispettare la posologia del farmaco ed evitare sovraddosaggi.

Oggi vediamo quanto contenuto nel foglietto illustrativo dello sciroppo Seki, in modo da poterlo utilizzare ed assumere correttamente e senza rischi inutili per la propria salute.


Sciroppo Seki: indicazioni terapeutiche

Lo sciroppo Seki contiene il principio attivo Cloperastina Fendizoato, un sedativo della tosse che agisce a livello del sistema nervoso centrale e possiede anche un lieve effetto antistaminimo e rilassante della muscolatura bronchiale. A differenza della codeina (contenuta per esempio nella Paracodina), questo principio attivo non possiede attività narcotica ed è quindi da considerarsi più leggero.


Leggi anche: Tosse persistente? Scopriamo le cause e i rimedi più efficaci

Lo sciroppo Seki è indicato in modo particolare per il trattamento della tosse secca persistente, perchè aiuta a ridurre lo stimolo a tossire e rilassa la muscolatura bronchiale attenuando le contrazioni.

Controindicazioni ed avvertenze

Lo sciroppo Seki è piuttosto sicuro e non possiede grandi controindicazioni, ma è sempre bene rispettare la posologia del farmaco onde evitare il rischio di comparsa di effetti collaterali indesiderati.

Seki è controindicato solo nei pazienti con ipersensibilità e quindi allergia al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti contenuti nello sciroppo.

Inoltre, le donne in gravidanza e in allattamento dovrebbero evitare di assumere questo sciroppo a meno che non sia il medico a raccomandarlo in modo esplicito.

Interazione con altri medicinali

Lo sciroppo Seki potrebbe entrare in interazione con altri farmaci e per questo motivo conviene sempre informare il proprio medico qualora si stessero assumendo medicinali particolari, perchè potrebbe interferire con il loro effetto e viceversa.

In particolare, si dovrebbe evitare di assumere Seki in concomitanza con i seguenti farmaci:

  • Farmaci ad azione sedativa;
  • Antistaminici;
  • Farmaci anticolinergici.

Posologia: modi e tempi di somministrazione

Lo sciroppo Seki è un farmaco da banco e in quanto tale non deve essere prescritto dal proprio medico: lo si può acquistare liberamente in farmacia ma anche online senza dover presentare alcuna ricetta. Questo però non significa che sia un medicinale da prendere alla leggera: anche in questo caso è importante rispettare la posologia consigliata nel foglietto illustrativo. Eventuali sovraddosaggi infatti potrebbero risultare pericolosi e provocare effetti collaterali indesiderati.

La posologia consigliata nel foglietto illustrativo varia in base all’età del paziente ed è la seguente:

  • Adulti: 1 bicchierino (7,5 ml) al mattino, 1 bicchierino al pomeriggio e 2 bicchierini la sera prima di coricarsi;
  • Bambini di età superiore ai 2 anni: 1 bicchierino alla tacca bambini (3,75 ml) al mattino, 1 al pomeriggio e 2 alla sera prima di coricarsi.

Lo sciroppo Seki deve essere assunto lontano dai pasti, perchè potrebbe provocare nausea e altri disturbi gastrointestinali se preso troppo ravvicinato al cibo.

Effetti collaterali indesiderati

Fortunatamente questo sciroppo, pur risultando molto efficace, è piuttosto sicuro e quindi il rischio di comparsa di effetti collaterali è limitato.

Tra le manifestazioni più diffuse ma comunque non comuni troviamo le seguenti:

  • Sensazione di bocca secca;
  • Sonnolenza.

Potrebbero inoltre manifestarsi, anche se più raramente, delle reazioni allergiche gravi con orticaria, eruzioni cutanee, difficoltà respiratorie, angioedema. In tal caso è fondamentale interrompere immediatamente il trattamento e rivolgersi al Pronto Soccorso.

Scadenza e conservazione

Lo sciroppo deve essere conservato in un luogo fresco e lontano da fonti dirette di calore. E’ importante prestare una certa attenzione perchè le formulazioni in sciroppo, a differenza delle compresse, tendono ad avere una scadenza più ravvicinata ed è dunque meglio controllare sempre la data prima di assumere il prodotto.

Una volta aperto, lo sciroppo Seki deve essere consumato entro 30 giorni dopodiché potrebbe non essere più adeguato e conviene buttarlo.

Seki o Levotuss: qual è il migliore?

Molti pazienti si chiedono quale sia il migliore tra Seki e Levotuss: entrambi sciroppi per il trattamento della tosse secca. Anche se i principi attivi contenuti in questi farmaci sono differenti, possiamo dire che non esistono grandi differenze a livello di efficacia. Parliamo di due alternative ugualmente valide, che possono aiutare a sedare la tosse secca e quindi a calmare il problema. In entrambi i casi ci troviamo di fronte a sedativi della tosse.



disclaimer attenzione