Quali sono gli esami del sangue da eseguire in gravidanza?

-
17/08/2021

Gli esami del sangue durante la gravidanza sono un passo obbligato, indispensabile per affrontare senza problemi il liete evento, in modo da ridurre al minimo i rischi.

Sangue

Sarà il ginecologo che segue la gestante a decidere, caso per caso, quali esami fare e la frequenza con la quale questi vanno eseguiti, ma in linea di massima, per avere un quadro il più completo possibile è necessario eseguire alcuni esami.

Lista degli esami da eseguire in gravidanza

  • Esame  per l’identificazione del gruppo sanguigno e dell’Rh
  • Emocromo
  • Glicemia
  • Azotemia e Creatininemia
  • Rubeo-test
  • Toxo-test per la toxoplasmosi
  • ricerca dell’Antigene Australia
  • reazione di Wassermann oppure V.D.R.L.
  • Sideremia e percentuale di transferrina insatura
  • Bilirubina e Transaminasi
  • Proteine totali
  • ed un esame completo delle urine.

Sangue piastrine

Il primo, l’identificazione del gruppo sanguigno e dell’Rh è estremamente importante in quanto, in caso di Rh negativo, è necessario controllare anche quello del padre perchè, nel caso non fosse anch’esso negativo ma positivo, il feto potrebbe ereditare il fattore Rh del padre e quindi il suo sangue andrebbe, di fatto, in conflitto con quello materno.


Leggi anche: Calcolo settimane gravidanza: metodi e cambiamenti durante la gestazione

In caso di prima gravidanza il problema non si pone, dal momento che il feto è protetto dalla placenta e quindi non vi è contatto tra i due gruppi sanguigni.

 

Per proteggere, però, le successive gravidanze e anche nei casi nei quali non è possibile conoscere il fattore Rh dal padre per qualsivoglia motivo, si dovrà praticare immediatamente dopo il parto una profilassi a base di immunoglobuline (anticorpi) anti-fattore Rh positivo, altrimenti un eventuale secondo figlio potrebbe correre il rischio di contrarre una eritroblastosi fetale o ittero emolitico, malattia molto seria.

Tra gli altri esami citati, hanno particolare rilevanza la Toxo-test, per controllare l’eventuale positività alla toxoplasmosi, e la ricerca dell’Antigene Australia per controllare se la madre è portatrice sana del virus dell’Epatite B.

Ulteriori accertamenti in gravidanza

A questi esami si accompagneranno quelli di flussimetria per valutare lo stato di circolazione fetale.



disclaimer attenzione