Prostatite: cause e cure

-
04/04/2022

Innanzitutto, sarebbe bene chiarirsi le idee circa cosa è nello specifico la Prostatite. Questa parola, sta ad indicare una qualsiasi forma di infiammazione che interessa la ghiandola prostatica. Come immaginabile, tale infiammazione non può che colpire i soggetti di sesso maschile, in quanto, nella donna, tale ghiandola risulta totalmente assente.

prostatite-cronica-cura

Nel 1999, tale infiammazione della prostata è stata classificata in quattro gruppi diversi. E, per l’esattezza: Categoria I: prostatite acuta (di origine batterica); Categoria II: prostatite cronica batterica; Categoria III: prostatite cronica abatterica oppure sindrome dolorosa pelvica cronica; Categoria IV: prostatite asintomatica. Ma quali sono i sintomi principali che riconducono alla prostatite? Andiamo ad analizzarne alcuni.

Prostatite: sintomi

I pazienti che risultano affetti da prostatite in forma acuta, ravvisano dolori alla schiena, febbre, dolori nella zona dei genitali, bruciore mentre si urina, brividi, stimolo eccessivo di urinare soprattutto durante la notte. Talvolta possono presentarsi secrezioni dal pene. Soprattutto nel caso di difficoltà ad urinare –pur ravvisando un forte stimolo nel farlo- viene applicato al paziente un piccolo tubo che, introdotto dalla parte anteriore dell’addome, raggiunge la vescica, dando così la possibilità di eliminare i liquidi.


Leggi anche: Prostatite: cause, sintomi e cure di una malattia molto diffusa

Come viene curata la prostatite? Se si parla di prostatite nella sua fase acuta, la cura più efficace è rappresentata dall’assunzione di antibiotici che, in teoria, sono in grado di determinare una risoluzione dell’infezione in breve tempo.

Ovviamente, tale antibiotico deve essere assolutamente appropriato al tipo di batterio che ha accusato l’infezione. Sotto quest’ottica, è utile effettuare –come il medico sicuramente prescriverà- un esame chiamato ‘antibiogramma’, in grado di rivelare con precisione il batterio incriminato. Riposo e una buona idratazione, sono ulteriori fattori che possono concorrere alla rapida guarigione del paziente affetto da prostatite.



disclaimer attenzione