Pidocchi: come arrivano e come farli andar via

-
05/10/2021

L’avere i pidocchi, sembra quasi che sia una cosa che appartiene ad altri tempi, magari al periodo della Grande Guerra, dove c’erano molte situazioni di promiscuità e scarsa igiene. Ma in realtà, come si è visto col passare degli anni, l’avere i pidocchi non è affatto sintomo di scarsa igiene.

a9db81d3-c5af-4dc3-b87d-ba35cd99ff0a

Infatti, i pidocchi sono esseri parassiti e, come tali, tendono ad instillarsi e colonizzare, a prescindere dalla ‘pulizia’ del loro terreno da conquistare. Quindi, la prima cosa da fare se si hanno i pidocchi, è non vergognarsi assolutamente poiché, come detto prima, non è sintomo di scarsa igiene.

I pidocchi tendono a colpire soprattutto i bambini, in un’età compresa tra i 3 e i 12 anni. Ma cosa fare se il proprio bambino ha i pidocchi?Se una volta si tendeva ad utilizzare metodi alquanto drastici, per liberarsi di questi fastidiosi parassiti, oggi la moderna scienza ci ha regalato altri metodi alternativi molto più efficaci ed immediati.


Leggi anche: Pidocchi dei capelli: come riconoscerli e come eliminarli in modo efficace

Metodi e terapie alla portata di tutti, che possono essere reperiti anche semplicemente dal farmacista, che saprà consigliare i giusti prodotti per eliminare efficacemente gli odiosi pidocchi. Nel frattempo, sarebbe bene evitare che il portatore di pidocchi presti ad altri familiari o persone vicine, i propri effetti personali, in special modo quelli che si usano per la testa, come spazzole, cappelli, fasce di stoffa, etc. Questo per evitare un proliferare del problema che, come sappiamo, può verificarsi con estrema facilità. In ogni caso, il consiglio è quello di non preoccuparsi: avere i pidocchi è sicuramente un fastidio non da poco ma, lo ripetiamo, le cure ed i trattamenti per eliminare tale problema, oggi sono di estrema efficacia e validità.


Redazione
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica

disclaimer attenzione