Nodulo tiroideo: sintomi, cause e cure

-
07/08/2020

Nodulo tiroideo: sintomi, cause e cure

Cos’è il nodulo tiroideo? Quali sono i sintomi e le cause principali? Quali e quanti sono Scopriamolo insieme all’interno di questo articolo.

Nodulo-tiroideo-dettaglio tiroide ilmediconline

Il nodulo tiroideo si forma alla base del collo. E’ formato da un ammasso di cellule e solitamente si tratta di una formazione benigna, mentre altre volte si iniziano a trasformare in un tumore maligno. Chi scopre di avere un nodulo tiroideo quindi, deve far controllare l’andamento della situazione nel tempo in modo da intervenire al momento del bisogno e all’occorrenza farlo asportare. Questo vale anche quando il nodulo è benigno. Tenere monitorato l’andamento e l’eventuale cambiamento del nodulo troideo è fondamentale per riuscire a prevenire un decorso maligno di questa formazione.


Quali sono le cause del nodulo tiroideo?


Leggi anche: Osteoporosi: cause, sintomi e cure

I noduli tiroidei hanno come causa predominante quella della familiarità e della genetica. Un’altra possibile causa è quella di essersi esposti in età giovanile alle radiazioni. Infine la possibilità è che abbiamo influito cause ambientali come ad esempio il vivere in zone con carenza iodica. Un altro fattore di rischio è il fumo.

In particolare, la carenza di iodio provoca spesso il gozzo, aumento del volume della tiroide che è accompagnato nella maggior parte dei casi dalla formazione di noduli benigni. Questi tuttavia possono evolvere in tumori maligni aumentando il fattore di rischio per il paziente che ne è affetto.

Quali sono i sintomi del nodulo tiroideo?

Il nodulo tiroideo da sintomi diversi in base alla sua natura, ma è bene precisare che in molti casi si presenta in modo del tutto asintomatico, anche quando evolve in tumore maligno. Secondo l’AIRC, l’incidenza attestata del cancro alla tiroide è inferiore a quella reale proprio per tale motivo. Molti pazienti sono del tutto inconsapevoli di avere un tumore e questo viene diagnosticato in seguito al loro decesso, che avviene quasi sempre per altre ragioni.

Ad ogni modo, alcuni sintomi possono far presagire la presenza di un nodulo tiroideo ed è utile saperli riconoscere in modo da poter tenere sotto controllo l’evolversi della situazione. Vediamo quindi un elenco che spiega a grandi linee i possibili sintomi collegati al nodulo tiroideo.

  • Nodulo benigno: la sensazione è quella di gonfiore nella parte del collo dove c’è la tiroide. Si avverte un senso di compressione all’esofago, tachicardia, agitazione e nervosismo.
  • Nodulo maligno: oltre ai sintomi elencati, la persona prova anche difficoltà nel deglutire. Porta anche alla raucedine e la tosse. Possono esserci anche altri sintomi come il calo di peso immotivato, tremori e brividi e diarrea.

Nodulo tiroideo freddo o caldo

  • Nodulo caldo: questo tipo di nodulo produce gli ormoni tiroidei. In questo caso da tutti i sintomi sopra elencati.
  • Nodulo tiroideo freddo: questo tipo di nodulo non è funzionante e perciò non produce gli ormoni tiroidei. Non porta infatti agitazione e nervosismo. Spesso può risultare del tutto asintomatico.

2 tipi di noduli tiroidei

Il nodulo tiroideo può essere vascolarizzato. Quando la vascolarizzazione è bassa, di solito la formazione è benigna. Quando invece è alta, di solito è un carcinoma della tiroide. Quando invece il nodulo tiroideo è di tipo iperplastico, ecco che nella maggior parte dei casi l’ammasso di cellule è benigno.

Nodulo tiroideo: trattamenti e cure

Non esiste una soluzione adatta per tutti i tipi di noduli alla tiroide. Dipende dal singolo caso. Vediamone alcuni.

  • Benigno: la terapia può essere quella dell’ipertiroidismo, con l’assunzione dei giusti farmaci. Altrimenti può esserci quella a base di iodio radioattivo 131. In alcuni casi il medico può richiedere l’asportazione di una parte della ghiandola, anche se di solito opta per monitorare le dimensioni e non intervenire chirurgicamente quando è strettamente necessario. Ad esempio quando il nodulo causa disturbi oppure se è maligno.
  • Maligno: Può essere necessaria l’asportazione di una parte della tiroide, in alcuni casi anche della ghiandola intera e può accadere che debbano essere tolti anche i linfonodi locali.
  • Tiroidite: alcune volte il nodulo è associato alle infezioni, cioè alla tiroidite. Il medico decide quale trattamento adottare continuando anche a diagnosticare il problema nel tempo.

Per capire se il nodulo è maligno o benigno serve la biopsia, perciò il medico ricorre all’aspirazione e si parla di nodulo tiroideo agoaspirato.

Nodulo tiroideo: quando preoccuparsi

Spesso, quando ad un paziente viene diagnosticato un nodulo tiroideo benigno, questo tende a preoccuparsi e temere per la propria salute. Non è mai piacevole sapere di avere in corpo delle formazioni che potrebbero evolvere e trasformarsi in tumori maligni, ma è anche vero che nella maggior parte dei casi, per quanto riguarda i noduli tiroidei, ciò non avviene.

Nel 90% dei casi i noduli tiroidei sono infatti benigni e le probabilità che si trasformino in maligni sono comunque scarse e dunque incoraggianti. Ciò non significa che non sia fondamentale tenerli monitorati per verificare che non abbiano dimensioni sospette e che non cambino con il passare del tempo. Tuttavia, non ha senso preoccuparsi più del dovuto se la diagnosi conferma che si tratta di un nodulo benigno. Basta tenerlo controllato.



disclaimer attenzione