Helicobacter: cos’è e come si combatte

-
06/10/2021

L’Helicobacter è un batterio che vive nel nostro stomaco, più precisamente nei nostri succhi gastrici. La maggior parte delle persone infatti, ne è portatrice ma un sistema immunitario sano riesce a tenerlo sotto controllo assicurando un equilibrio al nostro organismo.

52c96c35c30d11cfb13711cfa4231ac4_L

Negli individui con difese basse è il batterio responsabile dell’ulcera. Fino a poco tempo fa si pensava che il nostro stomaco, a causa dei succhi gastrici e del loro PH aggressivo, non permettesse a nessuna forma di vita di attecchire e che quindi fosse un ambiente sterile. Così la scoperta di questo microrganismo fu del tutto casuale, come la maggior parte delle scoperte scientifiche: due scienziati australiani si dimenticarono nell’armadietto del loro laboratorio un vetrino con dei succhi gastrici e poco tempo dopo notarono che sul vetrino si era formata una patina. Era una colonia di Helicobacter pylori.

A dire la verità il primo scienziato che lo scoprì fu un medico italiano che lo rilevò in alcuni cani già nel lontano 1893, ma non si rese conto di quanto fosse importante la sua scoperta. Nel 2005 i due scienziati australiani vinsero il premio Nobel proprio per questa loro scoperta. La sua grande importanza sta nel fatto che finalmente si è potuta individuare una causa alle ulcere gastriche e duodenali e rilevare la loro natura infettiva così da poterle curare con la semplice somministrazione di antibiotici.


Leggi anche: Helicobacter Pylori: cause, sintomi, contagio e cure

Ci sono vari metodi per scoprire se si è portatori di Helicobacter. I meno invasivi ma comunque efficaci sono il cosiddetto “Test del respiro” che si effettua facilmente in ambulatorio, oppure l’analisi delle feci. Chiaramente per una visione delle eventuali lesioni provocate dall’ulcera è indispensabile effettuare una gastroscopia.


Redazione
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica

disclaimer attenzione