Glutammina: a cosa serve, quando e perchè assumere questo integratore

-
01/04/2020

Glutammina: a cosa serve, quando e perchè assumere questo integratore

La glutammina è un amminoacido essenziale, che quindi viene sintetizzato dall’organismo e svolge numerose funzioni importantissime. In molte occasioni però le scorte disponibili nel corpo non sono sufficienti ed è quindi consigliata una sua integrazione mediante l’assunzione di prodotti specifici in capsule o in polvere. La glutammina quindi viene prodotta dall’organismo ma può anche essere assunta attraverso un integratore specifico, che a seconda dei casi apporta benefici interessanti. Questo amminoacido può essere prescritto sia in ambito clinico che sportivo perchè come vedremo tra poco è in grado di agire migliorando la salute dei muscoli ma non solo.

Come per tutti gli altri integratori, anche quelli a base di glutammina richiedono alcune cautele. Conviene sempre assumerli solo se consigliati dal proprio medico, perchè potrebbero provocare alcuni effetti indesiderati o avere controindicazioni che è sempre meglio conoscere.


Glutammina: cos’è e a cosa serve

La glutammina, come abbiamo accennato, è un amminoacido essenziale il che significa che viene prodotta dall’organismo e che quindi a livello teorico non sarebbe necessario integrare da fonti esterne. Tuttavia, come vedremo tra poco, ci sono occasioni in cui puà rivelarsi molto utile assumere un integratore di glutammina, sia per scopi prettamente clinici che per migliorare le prestazioni in ambito sportivo. Si tratta dell’amminoacido più abbondante nel corpo umano ma non per questo la sua produzione è sempre sufficiente. In alcuni contesti il fabbisogno da parte dell’organismo può aumentare ed è quindi utile integrare adeguatamente questa sostanza.


Leggi anche: Acido Folico: a cosa serve, dove si trova e perchè è importante in gravidanza

Le funzioni della glutammina sono molte ed importanti:

  • Partecipa nel trasporto dei gruppi amminici;
  • Partecipa nella sintesti dei nucleotidi;
  • Partecipa nella sintesi di alcune molecole bioattive come la glucosammina e il glutatione, famoso per le sue spiccate proprietà antiossidanti;
  • Partecipa nel metabolismo e nel ciclo dell’urea;
  • Garantisce le funzionalità del sistema immunitario;
  • Svolge un’attività stimolante a livello cerebrale.

Glutammina e dieta: le fonti naturali

Questo amminoacido viene prodotto dall’organismo e si trova anche in alcuni alimenti, quindi abbiamo a disposizione anche delle fonti naturali per integrarne maggiori quantità. Naturalmente, in alcuni casi è comunque necesario assumere un integratore ma vale comunque la pena sapere quali sono i cibi che ne sono più ricchi. La glutammina si trova in maggiori quantità in tutti gli alimenti proteici come la carne, il pesce, i latticini ed i legumi. Per quanto riguarda i vegetali, sono ricchi di questo amminoacido le barbabietole ed i cavoli, ma solo se consumati crudi.

Usi della glutammina in ambito clinico

In ambito clinico, un integratore di glutammina può rivelarsi molto utile in alcune situazioni specifiche e viene quindi prescritto direttamente dal medico. In particolare, questo amminoacido viene impiegato per proteggere la mucosa intestinale dei pazienti che si devono sottoporre a chemioterapia o radioterapia. La glutammina infatti è in grado di ridurre la permeabilità della mucosa intestinale e per tale ragione potrebbe rivelarsi efficace anche come coadiuvante nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali (come il Morbo di Crohn) e della sindrome del colon irritabile. Inoltre, la glutammina è in grado di garantire la corretta funzionalità del sistema immunitario e può quindi essere prescritta ai pazienti che presentano deficit in tal senso.

Usi della glutammina in ambito sportivo

Come abbiamo accennato, gli integratori di glutammina sono molto utilizzati in ambito sportivo perchè migliorano le performance ed apportano diversi benefici. Va però precisato sin da subito che tali effetti non sono stati dimostrati tutti dalla comunità scientifica. Ad ogni modo, l’utilizzo della glutammina in ambito sportivo è ormai molto diffuso ed evidentemente i benefici esistono, ma è sempre bene ricordare che non bisogna mai esagerare con i dosaggi.

La glutammina in ambito sportivo viene impiegata per diverse ragioni:

  • E’ in grado di svolgere una funzione detossificante;
  • E’ in grado di proteggere i muscoli dai danni prodotti dai radicali liberi nel corso degli allenamenti intensi;
  • Aiuta ad ottimizzare la fase di recupero dopo un allenamento intenso.

Fino a qualche tempo fa si pensava che gli integratori di glutammina fossero utili anche per stimolare la produzione dell’ormone della crescita. Questa tesi è però stata smentita ufficialmente.

I migliori integratori di glutammina per lo sport

Se in ambito clinico è il medico a prescrivere l’integratore specifico da assumere, in ambito sportivo spesso e volentieri si ricorre al fai da te, con conseguenze che in alcuni casi si rivelano molto spiacevoli. Gli integratori non devono essere considerati con troppa leggerezza, perchà una loro assunzione costante e prolungata nel tempo potrebbe provocare effetti collaterali anche importanti. Non bisogna mai quindi assumerli senza prestare attenzione e conviene sempre scegliere quelli più famosi e consigliati in ambito sportivo. Risparmiare e acquistare un integratore economico potrebbe essere un grave errore, che si rischia di pagare sulla propria pelle quindi piuttosto è meglio evitare proprio.

Tra i migliori integratori di glutammina per sportivi troviamo Prozis, Kyowa e Myprotein.

Ti potrebbe interessare anche…



disclaimer attenzione