Ferritina: cos’è e a cosa serve

-
27/09/2021

Cos’è la Ferritina? E a cosa serve esattamente? Si tratta di una proteina globulare, presente praticamente in tutti gli organismi viventi. Tale proteina è deputata all’immagazzinamento del ferro, che può essere poi opportunamente rilasciato in casi di necessità, rendendolo così prontamente utile.Ferritina.001

Nell’organismo umano, la ferritina è presente in tutti i nostri tessuti, con una concentrazione maggiore nel midollo osseo, nei muscoli scheletrici, nella milza e nel fegato. Essendo presente anche nel nostro sangue –anche se in piccole quantità- può essere quindi misurabile tramite la cosiddetta ‘ferritinemia’. Tale esame infatti, consente di individuare le quantità di ferro immagazzinato. Ecco uno schema esplicativo dei valori medi, utilizzato per la valutazione di tale valore: 10-300 nanogrammi/ml per gli uomini; 10-230 nanogrammi/ml per le donne entro i 45 anni; 5-345 nanogrammi/ml per le donne oltre i 45 anni. Se il livello di ferritina nell’organismo è bassa rispetto ai valori standard, si parla di carenza di ferro.

I fattori che possono aver determinato tale situazione, possono essere diversi: scarso apporto di tale sostanza attraverso la dieta (dieta restrittiva, vegetariana o non bilanciata, malnutrizione, etc…); un assorbimento del ferro compromesso ad esempio da celiachia, da patologie a carico dell’apparato gastro intestinale o dall’abuso di alcol; emorraie di varia natura (mestruazioni abbondanti, traumi, ulcera, emorroidi croniche, etc.); gravidanza, che presuppone già di per sé un apporto maggiore di ferro da parte della donna per sopperire la grande quantità di ferro che da sola assorbe la placenta. Periodicamente quindi, è bene sottoporsi all’esame per misurare la ferritina, in modo tale da scongiurare eventualmente ulteriori patologie legate alla mancanza o alla scarsa presenza di ferro nel nostro organismo.


Leggi anche: Ferritina Alta: tutte le possibili cause e quando preoccuparsi



disclaimer attenzione