Fare l’amore fa bene alla salute?

-
17/09/2021

Fate l’amore: fa bene alla salute! Il dato inequivocabile, arriva da una ricerca effettuata dagli scienziati del New England Research Institute nel Massachusetts, e pubblicata sull’autorevole American Journal of Cardiology.

Sesso

Secondo tale studio infatti, chi fa ha rapporti sessuali almeno due volte alla settimana, svilupperebbe una naturale riduzione del rischio di infarti. Ma, se pur appare chiaro l’effetto, rimangono ancora non del tutto decifrabili le cause benefiche. Per tale ragione, i ricercatori hanno potuto solo formulare alcune ipotesi verosimili. Sicuramente, fare l’amore apporta in primis negli esseri umani un appagamento di natura emotiva –elemento già di per sé non trascurabile.

In generale, la pratica sessuale è vista come una vera e propria ‘attività sportiva’, in grado quindi di svolgere un effetto benefico a livello cardiovascolare. Se poi ci si sposta dall’aspetto fisico sull’aspetto puramente sociologico, avere una relazione stabile regala sicuramente una serenità di fondo, che aiuta a ridurre lo stress. Di conseguenza, migliora indubbiamente lo stato di salute generale nell’individuo. La ricerca in questione, si è concentrata soprattutto sugli individui di sesso maschile (anche se naturalmente gli effetti benefici della pratica sessuale investono anche le donne…), prendendo un campione di ben mille uomini, in età tra i 40 e i 70 anni, e seguendoli per ben 16 anni. Sono state studiate le loro abitudini sessuali, concentrandosi in special modo sulla frequenza dei rapporti sessuali nell’arco di una settimana. I controlli effettuati sui soggetti presi a campione, si sono rivolti ai costanti controlli sulla salute del cuore, in considerazione anche di elementi fondamentali come l’età, la pressione del sangue, i livelli di colesterolo e il peso. E’ stato così possibile decretare che fare l’amore due volte a settimana, riduce di ben il 45% il rischio di avere attacchi cardiaci o comunque sviluppare patologie a carico dell’apparato cardiocircolatorio.


Leggi anche: Gravidanza settimana per settimana: cosa c’è da sapere



disclaimer attenzione