Errori Medici e risarcimenti

-
11/09/2021

Dall’Associazione Italiana delle Imprese Assicuratrici, arriva un dato piuttosto allarmante per quanto riguarda gli errori medici. L’Ania infatti, ha rilevato un aumento dei costi a carico delle compagnie assicuratrici, delle cliniche, degli ospedali e delle Asl, che devono pagare delle polizze più care a causa dei cosiddetti ‘errori medici’.

svenimenti-e-cadute-cause-e-diagnosi-controllo-medico

Le vittime di errori da parte dei medici quindi, vengono risarciti, facendo lievitare le polizze. Ovviamente la notizia può essere di conforto per tutti quei cittadini che hanno subito un danno a causa di errore sanitario, ma per le assicurazioni si tratta di costi che potrebbero diventare sempre meno sostenibili per le cliniche e gli ospedali. La situazione non è da prendere sotto gamba, tant’è che nello scorso 2011, ben il 10% delle strutture sanitarie ha deciso di disdire il contratto, rinunciando alla relativa polizza. Dario Focarelli, direttore generale dell’Ania, spiega: “Circa l’80%” delle denunce di errori o malpractice medica porta a un risarcimento assicurativo, che in media costa alla compagnia il 160% rispetto al premio incassato”. E poi, per spiegare il fenomeno, dice: “Negli anni ’90 incassavamo 100 e pagavamo tra 300 e 400. Ora il trend è in discesa, ma essenzialmente perché sono aumentati i premi”. Bisogna infatti tener presente che, nell’80% dei casi, le vittime di errore medico si vedono riconosciuto il risarcimento e, parallelamente, le Asl e tutte le strutture sanitarie, vedendo le crescenti richieste di risarcimenti, tendono a sfuggire dalle assicurazioni. In ogni caso, i dati divulgati dall’Ania devono far riflettere su una problematica crescente che, si spera, verrà presto affrontata a livello istituzionale.


Leggi anche: Tamponi rapidi dai medici di base e pediatri: arriva l’accordo


Redazione
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica

disclaimer attenzione