Effetti dell’acido glicolico sulle rughe

-
31/08/2020

L’acido glicolico è ingrediente molto apprezzato in cosmetica perché esercita un’efficace azione levigante e stimola il rinnovamento cellulare.

L’acido glicolico si estrae dalla canna da zucchero e rientra tra gli alfa-idrossiacidi, molecole molto utilizzate in ambito dermatologico e cosmetico nel trattamento di rughe e discromie, per favorire il turn-over cellulare e donare anche alla pelle più segnata e matura un aspetto visibilmente più giovane e sano.

A cosa serve e in quali casi si usa l’acido glicolico?

Le funzioni che l’acido glicolico può esercitare sono molteplici e spaziano dall’esfoliazione delle cellule morte all’accelerazione del naturale processo di ricambio cellulare.

Presente in numerose creme e trattamenti, l’acido glicolico risulta estremamente efficace in caso di:

  • rughe e segni del tempo, che con un trattamento specifico si riducono sensibilmente;
  • cicatrici dovute a traumi subiti dalla pelle che appaiono con un uso costante minimizzate e levigate;
  • iper-pigmentazione dovuta all’eccessiva esposizione ai raggi UV o a predisposizione genetica;
  • pelle acneica, che può ritrovare uniformità e compattezza;
  • pelle secca e spenta che grazie all’acido glicolico può rinnovarsi e apparire da subito più idratata, luminosa e giovane.

In tutti questi casi l’acido glicolico restituisce alla pelle un incarnato compatto e uniforme, dona luce aò viso e attenua in modo visibile rughe e segni del tempo migliorando il grado di idratazione dell’epidermide.

Quando sulla pelle si accumulano le cellule morte la superficie del volto risulta opaca e poco uniforme e insorgono spesso segni e imperfezioni.

L’acido glicolico aiuta a rimuovere lo strato più superficiale dell’epidermide eliminando tutte le cellule morte e stimolando una maggiore produzione di elastina e collagene necessari per rendere la pelle più compatta, morbida, levigata ed elastica.

Qual è l’azione specifica dell’acido glicolico sulle rughe

Scopriamo insieme gli specifici effetti dell’acido glicolico sulle rughe.

Usato come esfoliante, l’acido glicolico è un alleato prezioso nella lotta alle rughe e ai segni del tempo.


Leggi anche: Crema bava di lumaca: sembra impossibile, eppure è un elisir di giovinezza

Conferisce alla pelle un aspetto più lucente e giovane, un colorito più uniforme e una grana più sottile.
L’acido glicolico agisce in modo potente e mirato sulle rughe per merito della dimensione delle sue molecole. Queste ultime infatti sono estremamente piccole e per questa specifica caratteristica penetrano in profondità nell’epidermide spezzando i legami lipidici tra le cellule che si trovano all’interno dello strato corneo. Tale fattore contribuisce a rimuovere del tutto le cellule morte che si accumulano in superficie permettendo alla pelle di rigenerarsi completamente.

Vista la potenza dell’acido glicolico si tratta di un prodotto che va usato sempre con moderazione e nel giusto modo. È opportuno ad esempio usarlo di sera e non in concomitanza con l’esposizione al sole pe perché può produrre irritazione alla pelle e provocare fotosensibilizzazione.

Trattamenti a base di acido glicolico sono molto consigliati in caso di pelle spenta e segnata dal tempo, che ha perso elasticità e lucentezza. Vanno evitati solo in caso di pelle estremamente sensibile.

Uno dei prodotti assolutamente da provare è Revitalift Laser X3 di L’Oréal Paris che, proponendo un trattamento intensivo di soli 7 giorni, regala alla pelle un effetto peeling sorprendente. Le rughe appaiono da subito più appianate e la pelle lucentezza e radiosità fin dalla prima applicazione.



disclaimer attenzione