Coronavirus in Italia, bollettino oggi 9 febbraio: 10.630 nuovi casi, 422 morti

-
09/02/2021

I dati del Ministero della Salute aggiornati al 9 febbraio 2021 riportano 10.630 contagiati riscontrati su 274.263 tamponi processati e 422 morti registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Nel nostro Paese, dall’inizio della pandemia a oggi, i casi di positività al Covid-19 hanno superato quota 2,6 milioni. Oltre 92 mila le vittime. 

coronavirus

In base al bollettino del Ministero della Salute aggiornato al 9 febbraio 2021, i soggetti attualmente positivi in Italia sono 413.967, per un totale di 2.655.319 casi dall’inizio della pandemia a oggi.

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 10.630 nuovi contagiati e 422 morti.

Le vittime salgono a quota 92.002.

I dimessi/guariti sono 2.149.350 (+15.827).

In lieve calo i ricoveri ordinari, 21.655 (-15). Stabili quelli in terapia intensiva, 2.143 (0).

I tamponi processati sono complessivamente 34.781.259 (274.263 nell’arco dell’ultima giornata).

Attualmente, nel nostro Paese, i cittadini vaccinati sono più di 2,6 milioni.

Contagi in calo, ma attenzione alle varianti Covid

0-kuele1cs

Una riduzione delle nuove infezioni, intanto, si è osservata sugli ultimi dati settimanali, con una flessione del -3% di contagiati nell’arco di tempo dall’1 al 7 febbraio, pari a circa 85 mila casi con 1,7 milioni di tamponi a settimana. È quanto risulta dai calcoli del fisico e comunicatore scientifico Giorgio Sestili, intervistato dal “Corriere”.


Leggi anche: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 4 febbraio: 13.659 nuovi casi, 422 morti

Sestili ha spiegato che la curva è ferma per la terza settimana consecutiva. Tuttavia ha aggiunto l’esperto che i dati giornalieri ci dicono poco in questo momento “perché l’esperienza di sequenziamento del virus di altri Paesi ci sta indicando che dove i numeri sono in miglioramento, le nuove varianti continuano a crescere e a diffondersi”.

Lo dimostra uno studio dello Statens Serum Institut di Copenaghen. L’unico modo che abbiamo per contrastare l’epidemia, ha concluso Sestili, è “velocizzare l’attività di sequenziamento”.



disclaimer attenzione