Coronavirus in Italia, bollettino oggi 8 gennaio: 17.533 nuovi casi, 620 morti

-
08/01/2021

I dati del Ministero della Salute, aggiornati a oggi, 8 gennaio 2021, riportano 17.533 nuovi casi di positività al Covid-19 riscontrati su 140.267 tamponi esaminati e 620 decessi registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Dall’inizio della pandemia a oggi nel nostro Paese i contagi hanno superato quota 2,2 milioni. Quasi 78 mila le vittime. 

Covid,

In base al bollettino del Ministero della Salute i soggetti attualmente positivi in Italia sono 570.389, 2.237.890 dall’inizio della pandemia a oggi.

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 17.533 nuovi casi di positività al Covid-19 e 620 morti.

Le vittime salgono in tutto a 77.911.

regioni 8 gennaio

I dimessi/guariti sono 1.589.590 (+17.575).

In lieve aumento i ricoveri ordinari, 25.900 (+22), stabili quelli in terapia intensiva: 2.587 (0).

I tamponi processati sono 27.579.516 (+140.267).

A livello regionale nell’arco dell’ultima giornata in Lombardia si sono rilevati 1.963 nuovi casi di Covid, 3.388 in Veneto, 2.026 in Emilia-Romagna, 1.842 in Sicilia, 1.349 in Puglia, per citare le aree più colpite.

Brusaferro (Iss): curva dei contagi di nuovo in controtendenza


Leggi anche: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 6 gennaio 2021: 20.331 nuovi casi, 548 morti

silvio-brusaferro-iss

“Siamo a 166 casi per 100mila abitanti in 7 giorni come incidenza e c’è grande variabilità tra regioni, con il Veneto che mantiene incidenza elevata, ma tutte le regioni hanno incidenza superiore per poter passare da una fase di mitigazione a una di controllo con il tracciamento individuale”.

Lo ha dichiarato il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio Regionale della Cabina di Regia, evidenziando che nel nostro Paese la curva dei contagi “ha rallentato la decrescita e ha avuto una controtendenza in questa settimana”.

Brusaferro ha sottolineato la necessità di porre “massima attenzione nelle misure da adottare” e “comportamenti rispettosi per evitare una ricrescita“.

Ha detto il presidente dell’Iss:

“Col nuovo anno iniziamo una fase che ha 2 binari: quello positivo della vaccinazione e quello della circolazione del virus che continuerà e per cui bisognerà adottare misure di restrizione. Si tratta ora di modulare le misure in funzione del rischio per fare in modo che questa ripartenza dei casi possa essere mitigata”.

Ha aggiunto l’esperto:

“Credo che il lavoro fatto dai prefetti su orari e potenziamento mezzi di trasporto sia un lavoro prezioso e quindi la riapertura delle scuole va fatta tenendo conto di questi piani ma anche da analizzare con grande attenzione in funzione dell’andamento dell’epidemia e l’incidenza”.


Potrebbe interessarti: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 3 gennaio: 14.245 nuovi casi, 347 morti



disclaimer attenzione