Coronavirus in Italia, bollettino oggi 7 gennaio: 18.020 nuovi casi, 414 morti

-
07/01/2021

I dati del Ministero della Salute aggiornati al 7 gennaio 2021 riportano 18.020 nuovi casi di positività al Covid-19 riscontrati su 121.275 tamponi esaminati e 414 decessi registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Nel nostro Paese, dall’inizio della pandemia a oggi, i contagi hanno superato quota 2,2 milioni. Più di 77 mila le vittime. 

covid nuova immagine

In base al bollettino del Ministero della Salute aggiornato al 7 gennaio 2021 i soggetti attualmente positivi sono 571.055, per un totale di 2.220.361 di casi dall’inizio della pandemia a oggi.

Nelle ultime 24 ore si sono contati 18.020 contagi e 414 morti.

Le vittime salgono a 77.291.

I soggetti dimessi/guariti sono 1.572.015 (+15.659).

regioni 7 gennaio

In lieve aumento i ricoveri: quelli ordinari, 25.878 (+133), e quelli in terapia intensiva, 2.587 (+16).

I tamponi processati finora sono stati 27.439.249 (121.275 nelle ultime 24 ore).

A livello regionale, nell’arco dell’ultima giornata si sono registrati 3.596 nuovi casi in Veneto, 2.799 in Lombardia, 2.228 in Emilia-Romagna, 1.779 nel Lazio, per citare i territori più colpiti.

Fondazione Gimbe: terza ondata all’orizzonte


Leggi anche: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 6 gennaio 2021: 20.331 nuovi casi, 548 morti

Nino Cartabellotta arton91300

Nella settimana a cavallo del nuovo anno, rispetto alla precedente, sono tornati ad aumentare i decessi per Covid-19 del 3,6% (3.300 rispetto a 3.187).

Quasi stabili gli attualmente positivi (569.161 rispetto a 568.728). È cresciuto di nuovo il numero di pazienti Covid in rianimazione (2.569 rispetto 2.549 pari al +0,8%) e le terapie intensive sono sopra la saturazione in metà delle Regioni.

È emerso dal monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe, in base al quale “si intravede l’inizio della terza ondata” mentre “il reale impatto del vaccino è molto lontano” e “rischiamo di avere solo il 5% di vaccinati a marzo”.

L’Europa ha assicurato al Paese ulteriori 13.460.000 dosi del vaccino Pfizer-BioNTech e 10.768.000 di Moderna (appena approvato dall’UE) con tempi di consegna non ancora definiti.

Ha dichiarato il presidente Gimbe, Nino Cartabellotta:

“Al di là dell’efficienza logistico-organizzativa del nostro Paese senza il via libera dell’Agenzia Europea dei Medicinali (Ema) ad altri vaccini, AstraZeneca in primis, o l’anticipo improbabile di consegne, potremo vaccinare circa il 5% della popolazione entro marzo e meno del 20% entro giugno”.



disclaimer attenzione