Coronavirus in Italia, bollettino oggi 30 gennaio: 12.715 nuovi casi e 421 morti

-
30/01/2021

I dati del Ministero della Salute aggiornati al 30 gennaio 2021 riportano 12.715 nuovi casi di positività al Covid-19 riscontrati su 298.010 e 421 decessi registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Dall’inizio della pandemia a oggi, nel nostro Paese, i contagi superano quota 2.5 milioni. Oltre 88 mila le vittime.

Covid,

In base al bollettino del Ministero della Salute, aggiornato al 30 gennaio 2021, i soggetti attualmente positivi sono 463.352, per un totale di 2.541.783 casi dall’inizio della pandemia a oggi.

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 12.715 contagiati e 421 decessi in più.

Le vittime salgono a quota 88.279.

I dimessi/guariti arrivano a 1.990.152 (+16.764).

In lieve calo i ricoveri, quelli ordinari, 22.316 (-351), e quelli in terapia intensiva, 2.218 (-52).

I tamponi processati sono 32.453.362 (+298.010).

L’Aifa dà l’ok al vaccino AstraZeneca

astrazeneca vaccino

In base a quanto appreso e diffuso dall’Ansa, l’Agenzia Italiana del farmaco (Aifa) ha approvato il vaccino anti Covid-19 di AstraZeneca dopo quelli di Pfizer/BioNtech e Moderna.


Leggi anche: Vaccino anti-Covid: AstraZeneca si allea con Sputnik V

Il vaccino di AstraZeneca è stato approvato con l’indicazione per l’utilizzo preferenziale dai 18 ai 55 anni.

In uno dei passaggi dell’intervento del ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, nel corso del vertice con le Regioni per l’adeguamento del piano vaccinale, il ministro ha annunciato che a febbraio arriveranno ulteriori 4 milioni di vaccini che si sommano ai 2 già arrivati.

“Devono essere garantiti e soprattutto noi dobbiamo somministrarli in tempi rapidissimi”, ha spiegato Boccia.

roberto-speranza-1200×705-2

Nell’ambito dello stesso incontro ha parlato anche il ministro della Salute Roberto Speranza, che ha detto che con l’approvazione del vaccino AstraZeneca l’Italia entra in una “fase espansiva della vaccinazione” e serve tutto il personale che è stato selezionato a tale scopo.

Tutti e tre i vaccini autorizzati finora in Europa vengono somministrati in due dosi. Devono passare 21 giorni tra l’una dall’altra per quello Pfizer/Biontech, 28 giorni per quello di Moderna.

Il vaccino di AstraZeneca deve essere somministrato in due dosi a distanza di 4-12 settimane l’una dall’altra.



disclaimer attenzione