Coronavirus in Italia, bollettino oggi 3 febbraio: 13.189 nuovi casi, 477 morti

-
03/02/2021

I dati del Ministero della Salute, aggiornati al 3 febbraio 2021, riportano 13.189 nuovi casi riscontrati su 279.307 tamponi processati e 477 decessi registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Nel nostro Paese, dall’inizio della pandemia a oggi, i contagi da Covid-19 sfiorano quota 2,6 milioni. Quasi 90 mila le vittime.

covid

In base al bollettino del Ministero della Salute, aggiornato al 3 febbraio 2021, i soggetti attualmente positivi sono 434.722, per un totale di 2.583.790 casi dall’inizio della pandemia a oggi.

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 13.189 nuovi casi e 477 decessi.

Le vittime salgono a quota 89.820.

I dimessi/guariti arrivano a 2.059.248 (+15.748).

In lieve calo i ricoveri, quelli ordinari, 22.216 (-315), e quelli in terapia intensiva, 2.145 (-69).

I tamponi processati sono finora 33.332.881 (+279.307).

Da marzo-aprile al via la seconda fase del piano vaccinale

Ricciardi

Intervenendo a “Sky TG24”,  Walter Ricciardi, consulente scientifico del ministro della Salute, ha detto che non sarà riscritto il piano vaccinale elaborato dal ministero della Salute e dal gruppo di lavoro da esso coordinato.


Leggi anche: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 15 gennaio: 16.146 nuovi casi, 477 morti

I cardini fondamentali del piano rimangono validi e sono gli stessi che, per esempio, hanno decretato “il successo il piano vaccinale israeliano o quello inglese e che adesso ispirano il Governo americano”, ha spiegato Ricciardi.

Obiettivo principale del piano resta sempre quello di vaccinare quanto prima possibile il numero maggiore di italiani.

Data la scarsità di vaccini, e a fronte dei problemi nella distribuzione in tutta l’Ue delle dosi da parte di Pfizer e di Moderna di fine gennaio, urge proseguire con le fasce più importanti della popolazione (medici e operatori sanitari, Forze dell’Ordine, operatori e ospiti delle Rsa).

Ha aggiunto Ricciardi:

“Da marzo o aprile in poi scatterà una seconda fase che non è neanche lontanamente paragonabile a quella attuale che è relativamente facile, perché vaccinare 250mila italiani al giorno, sette giorni alla settimana, 24 ore al giorno, questo si tratterà di fare, è un’altra cosa”.



disclaimer attenzione