Coronavirus in Italia, bollettino oggi 26 gennaio: 10.593 nuovi casi, 541 morti

-
26/01/2021

I dati del Ministero della Salute di oggi, 27 gennaio 2021, riportano 10.593 nuovi casi di positività al Covid-19 riscontrati su 240.102 tamponi processati e 541 decessi registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia ad ora, nel nostro Paese, i contagi sfiorano quota 2.5 milioni. Oltre 86 mila le vittime.

coronavirus img

In base al bollettino aggiornato del Ministero della Salute di oggi, 26 gennaio 2021, i soggetti attualmente positivi in Italia sono 482.417, per un totale di 2.485.956 casi dall’inizio della pandemia a oggi.

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 10.593 contagi e 541 morti in più rispetto a ieri, 25 gennaio.

I deceduti salgono a quota 86.422.

I dimessi/guariti sono 1.917.117 (+19.256).

In lieve diminuzione i ricoveri, quelli ordinari, 23.727 (-118), e quelli in terapia intensiva, 2.372 (-49).

I tamponi processati sono complessivamente 31.317.253 (+240.102).

Il tasso di positività sul totale dei tamponi effettuati (molecolari e antigenici) è del 4,12% .

Coronavirus nel mondo: oltre 100 milioni di casi

Coronavirus,

I casi di Coronavirus a livello globale hanno superato oggi la soglia dei 100 milioni: è quanto emerge dai conteggi della Johns Hopkins University.


Leggi anche: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 27 gennaio: 15.204 nuovi casi, 467 morti

In soli due mesi e mezzo il virus Covid-19 ha raddoppiato il suo bilancio complessivo dall’inizio della pandemia: la barriera dei 50 milioni di contagi, infatti, era stata infranta l’8 novembre scorso.

Gennaio, negli Usa, è il mese in cui sono stati registrati più morti per Covid-19 dall’inizio della pandemia: questo mese sono stati accertati negli Stati Uniti 77.698 decessi legati al Coronavirus.

Oggi, inoltre, il governo britannico si è trovato a dover annunciare che, dall’inizio della pandemia, le vittime del virus nel Paese sono oltre 100mila. Un numero mai raggiunto in Europa, ufficializzato in serata dal primo ministro, Boris Johnson, che ha definito la situazione “la più grande crisi” affrontata “dalla Seconda Guerra Mondiale”.

La Gran Bretagna si prepara a imporre nuove restrizioni per coloro che arrivano dall’estero. Intanto, nelle ultime 24 ore, è tornato a salire il numero di vittime, pari a 1.631.



disclaimer attenzione