Coronavirus in Italia, bollettino oggi 25 dicembre: 19 mila nuovi casi, 459 morti

-
25/12/2020

I dati del Ministero della Salute e della Protezione Civile, aggiornati al 25 dicembre 2020, riportano 19.037 nuovi casi di Covid-19 su 152.334 tamponi analizzati e 459 decessi registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Dall’inizio della pandemia a oggi i contagi nel nostro Paese hanno superato i 2 milioni. Oltre 71 mila le vittime. 

Covid,

In base al bollettino del Ministero della Salute e della Protezione Civile i soggetti attualmente positivi in Italia risultano 579.886 (19.037 nelle ultime 24 ore, +0,95%), complessivamente 2.028.354 dall’inizio della pandemia.

I deceduti sono 71.359 (459 in più rispetto a ieri, 24 dicembre).

I dimessi/guariti salgono a 1.377.109 (+32.324).

regioni 25 dicembre


Leggi anche: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 15 dicembre: quasi 15 mila nuovi casi, 846 decessi

Ancora in lieve calo i ricoveri: 25.986 (-673) di cui 2.584 (-5) quelli in terapia intensiva.

I tamponi processati sono in tutto 25.904.694 (+152.334). Il tasso di positività sale al 12,5%.

A livello regionale, in Lombardia si sono registrati 2.656 casi in più rispetto al giorno precedente, 3.837 in Piemonte, 1.692 in Emilia-Romagna, 1.519 nel Lazio, 1.458 in Puglia, per citare i territori più colpiti.

Vaccino anti-Covid: prime 9.750 fiale arrivate a Roma

vaccino pfizer

Sono arrivate a Roma, nella caserma di Tor di Quinto, le prime dosi del vaccino Pfizer/BioNTech (9.750) destinate all’Italia. Sono attese per domani all’ospedale Spallanzani, nella Capitale, dove i primi a essere vaccinati saranno cinque operatori sanitari.

Occorrerà ancora del tempo perché le fiale siano distribuite anche nei canali ufficiali. Eppure il vaccino anti-Covid è già pubblicizzato sul cosiddetto “dark web”, vale a dire il mercato nero illegale digitale che non è accessibile con i comuni browser o motori di ricerca.

Lo ha scoperto un team di cyber-security di Yarix (divisione sicurezza digitale di Var Group), società italiana che si occupa di sicurezza informatica.

Gli esperti hanno parlato di circa una ventina di black market famosi, che hanno messo in mostra test rapidi o farmaci inizialmente vietati dall’Aifa (Agenzia italiana del farmaco), come l’idrossiclorochina.

Nell’ultimo periodo sono state aggiunte inserzioni relative proprio ai vaccini a marchio Pfizer/BioNTech, sfruttando il fatto che sia il primo entrato in commercio.



disclaimer attenzione