Coronavirus in Italia, bollettino oggi 15 dicembre: quasi 15 mila nuovi casi, 846 decessi

-
15/12/2020

I dati del Ministero della Salute aggiornati a oggi 15 dicembre 2020 riportano 14.844 casi su 162.880 tamponi e 846 decessi registrati in Italia nelle ultime 24 ore. 

covid nuova immagine

In base al bollettino del Ministero della Salute e della Protezione Civile, aggiornato al 15 dicembre 2020, le persone attualmente positive nel nostro Paese sono 667.303, con un aumento di 14.844 nuovi casi nelle ultime 24 ore (+0,8%), per un totale di 1.870.576 contagiati dall’inizio della pandemia.

I deceduti sono 846 nelle ultime ore. Le vittime sono in tutto 65.857.

I dimessi/guariti salgono a 1.137.416 (+21.799)

I ricoverati sono 30.345 (-515) di cui 3.003 (-92) in terapia intensiva.

regioni 15 dicembre

I tamponi processati sono 24.482.190 (+162.880).

A livello regionale, in Lombardia nelle ultime 24 ore si sono registrati 2.404 casi, 3.320 in Veneto, 1.238 in Emilia-Romagna, solo per citare i territori più colpiti.

Vaccino Pfizer-BioNTech: l’Ema si riunisce il 21 dicembre


Leggi anche: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 30 dicembre: 16.202 nuovi casi, 575 morti

vaccino pfizer

L’Ema, Agenzia europea per i medicinali, si riunirà il 21 dicembre per deliberare sul vaccino Pfizer-BioNTech.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha dichiarato:

“Il mio auspicio è che l’Ema, nel rispetto di tutte le procedure di sicurezza, possa approvare il vaccino Pfizer Biontech in anticipo rispetto a quanto previsto e che al più presto le vaccinazioni possano iniziare anche nei Paesi dell’Unione Europea”.

A livello globale sono oltre 1 milione e 600 mila i decessi registrati per Coronavirus, quasi 73 milioni i casi di contagio, come indicano i dati della Johns Hopkins University.

Gli Stati Uniti restano i più colpiti con oltre 300 mila morti e 16 milioni di positivi al Covid-19. Molti Paesi europei, intanto, scelgono misure più drastiche, per esempio la Repubblica Ceca, il Regno Unito e la Germania. Quest’ultima ha sollecitato ulteriormente le autorità dell’Unione europea per accelerare il processo di approvazione del vaccino della Pfizer-BioNTech affinché il tutto avvenga entro il 23 dicembre, e non come previsto entro il 29 dicembre.



disclaimer attenzione