Coronavirus in Italia, bollettino oggi 11 febbraio: 15.146 nuovi casi, 391 morti

-
11/02/2021

I dati del Ministero della Salute aggiornati all’11 febbraio 2021 riportano 15.146 nuovi casi riscontrati su 292.533 tamponi processati e 391 decessi registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Nel nostro Paese, dall’inizio della pandemia a oggi i contagi sfiorano quota 2,7 milioni. Quasi 93 mila le vittime.

Coronavirus,

In base al bollettino del Ministero della Salute aggiornato al 12 febbraio 2021 i soggetti attualmente positivi sono 405.019 per un totale di 2.683.403 casi dall’inizio della pandemia a oggi.

Nelle ultime 24 ore nel nostro Paese si sono registrati 15.146 contagiati e 391 decessi in più rispetto a ieri, 10 febbraio.

Le vittime salgono a quota 92.729.

I dimessi/guariti sono 2.185.655 (+19.838).

In lieve calo i ricoveri, quelli ordinari, 21.068 (-340), e quelli in terapia intensiva, 2.126 (-2).

I tamponi processati sono complessivamente 35.384.786 (+292.533).

Vaccini, -64,2% dei contagi tra gli operatori sanitari in 3 settimane

vaccino pfizer

Da circa tre settimane, tra gli operatori sanitari i casi di contagio si sono ridotti del 64,2%. È quanto emerge dal monitoraggio della Fondazione Gimbe.


Leggi anche: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 15 gennaio: 16.146 nuovi casi, 477 morti

Dai 4.382 rilevati dall’Istituto superiore di sanità (Iss) nella settimana 13-19 gennaio, quando è stata avviata la somministrazione delle seconde dosi di vaccino, si è arrivati ai 1.570 della settimana 3-9 febbraio.

Secondo il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, «la netta riduzione è verosimilmente effetto della somministrazione di circa 1,9 milioni di dosi di vaccino in questa categoria di popolazione».

Al 10 febbraio le persone che avevano completato il ciclo vaccinale con la seconda dose erano 1.214.139 (2,04% della popolazione), con differenze regionali notevoli: si passa, infatti, dal 1,38% della Calabria al 3,58% della Provincia Autonoma di Bolzano.

Renata Gili, responsabile Ricerca sui servizi sanitari della fondazione Gimbe, ha affermato che, anche se i ritardi di fine gennaio nella distribuzione delle fiale anti-Covid stanno rallentano la campagna vaccinale, le Regioni stanno gestendo correttamente le dosi, completando il ciclo nei tempi corretti.

Finora solo il 3,6% (158.805) degli over 80 ha ricevuto almeno una dose di vaccino, e solo il 2,2% ovvero 96.503, ha completato il ciclo vaccinale. Si è dunque ancora lontani dal target di copertura raccomandato dalla Commissione Europea per questa fascia di età: l’80% entro il 31 marzo 2021. 



disclaimer attenzione