Coronavirus in Italia, bollettino 4 dicembre: 24 mila nuovi casi, 814 morti

-
04/12/2020

Dai dati del Ministero della Salute aggiornati al 4 dicembre 2020 emergono 24.099 persone contagiate dal Covid, su 212.741 tamponi analizzati, e 814 decessi registrati in Italia nelle ultime 24 ore. 

Covid,

Il nuovo bollettino sanitario diffuso dal Ministero della Salute, aggiornato al 4 dicembre 2020, relativo allo stato attuale della pandemia nel nostro Paese, evidenzia 757.702 soggetti attualmente positivi, con un aumento di 24.099 casi nelle ultime 24 ore (+1,45%).

Si parla di un totale di 1.688.939 infetti dall’inizio della stessa pandemia.

Sempre nell’arco delle ultime 24 ore i deceduti sono arrivati a 58.852 (+814).

I dimessi/guariti sono 872.385 (+25.576). Ancora in lieve calo le ospedalizzazioni:  i ricoveri ordinari scendono a 34.767 (-602) di cui 3.567 (-30) in terapia intensiva.

I tamponi complessivamente esaminati sono 22.767.130 (212.741 in più rispetto a ieri, 3 dicembre, analizzati nell’ultima giornata). Il rapporto positivi/test sale a 11,3%.

regioni 4 dicembre

A livello regionale, i territori più colpiti restano la Lombardia, con 4.533 casi in più rispetto a ieri, e il Veneto, +3.708.


Leggi anche: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 15 dicembre: quasi 15 mila nuovi casi, 846 decessi

Dopo il record shock di ieri – 993 morti in un giorno, il numero di vittime più elevato dall’inizio della pandemia provocata dal Coronavirus – intervistato dal “Messaggero” ha detto il professor Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza:

“I 993 morti in 24 ore, purtroppo, sono la conseguenza dell’alta circolazione del virus. Anche per questo ci sono regole rigide per Natale. Se tutti le rispetteremo, eviteremo una terza ondata”.

Nel mondo i decessi complessivi per Covid hanno superato la soglia di 1,5 milioni.

vaccino pfizer

Intanto sono arrivate le prime dosi del vaccino Pfizer-BioNTech in Gran Bretagna, la prima nazione al mondo ad averlo approvato.

A fine gennaio 2021 dovrebbe partire la vaccinazione anti-Covid anche in Italia.

Ha commentato Ricciardi:

“(…) per la prima parte dell’anno saranno comunque necessarie misure di contenimento del virus, comportamenti prudenti, uso delle mascherine e distanziamento”.

Su questo tema, a fronte della possibilità dell’autorizzazione di sei tipi di vaccini diversi, Ricciardi ha auspicato che ciò accada davvero:

“Significherà avere più armi a disposizione, con tecnologie differenti. Ma bisogna attendere le autorizzazioni per tutti. Penso che l’accelerazione del Regno Unito sul vaccino di Pfizer-BioNTech sia una mossa avventata, più corretta la prudenza dell’Ema, condivisa con tutti i Paesi dell’Unione europea”.


Potrebbe interessarti: Coronavirus in Italia, bollettino oggi 13 dicembre: quasi 18 mila nuovi casi, 484 morti



disclaimer attenzione