Clamidia malattia sintomi e cura

-
11/08/2021

Cos’è la Clamidia e quali sono i sintomi negli uomini e nelle donne? Diagnosi, trattamenti e cure della clamidia.

89b60929-39d0-404e-b243-ee936dd6fc31

Il nome Clamidia sta a designare una malattia a trasmissione sessuale che viene causato da un batterio che infetta l’apparato urinario e genitale, chiamato Chlamydia trachomatis.

Clamidia cos’è e tipologie

af6cb2db-7637-422d-943f-5b234131a81a

Con clamidia o Chlamydia si indicano dei batteri di diverse specie, di cui solo una è nociva per l’uomo ossia la Chlamydia trachomantis che a sua volta di divide in:

  • L1 L2 e L3 sono associati al linfogranuloma venereo
  • A, B, Ba e C sono associati al tracoma
  • D, E, F, G, H, I, J e K sono associate a forme di congiuntivite, infezione genitale e polmonite del neonato.


Leggi anche: Clamidia: sintomi, trasmissione, incubazione e cura

E’ spesso conseguente alla gonorrea o scolo.

Sintomi della Clamidia

Schermata 2021-08-11 alle 12.11.19

In special modo nella donna, i sintomi possono includere in maniera palese irritazioni vaginali, dolori al basso ventre, bruciore quando si fa pipì e perdite vaginali.

In generale, tale malattia si presenta con sintomi di entità media, e in alcuni casi, può manifestarsi anche senza sintomi palesi tali da rendere difficile al paziente l’individuazione immediata dell’infezione.

Prevenzione, rimedi e cure contro la Clamidia

La Clamidia viene curata, dopo attenta indagine medica, con gli antibiotici, ma se l’infezione si presenta in maniera asintomatica, tale da rendere difficoltosa l’immediata e tempestiva diagnosi ed essere così trascinata per settimane o mesi, può portare a problemi ben più gravi, come ad esempio l’infertilità.

Sotto quest’ottica, appare subito di grande importanza l’assumere un comportamento adeguato, che possa prevenire il contagio della stessa malattia.

In che modo? Come detto, la Clamidia è una malattia a trasmissione sessuale quindi, per quanto possa apparire un comportamento estremo, paradossalmente la maniera più efficace per prevenire l’infezione sarebbe l’astinenza da sesso.

Detta così può quasi spaventare, ma in realtà bisognerebbe attuare questo estremo comportamento di profilassi quantomeno nei casi ritenuti a rischio, come ad esempio i rapporti sessuali con più partner o con partner sconosciuti.

Un altro metodo di prevenzione è l’uso del preservativo che, se da una parte non può garantire una copertura totale dal contagio, dall’altra può rivelarsi un ottimo alleato per cercare quantomeno di limitare al massimo il rischio di contagio.


Potrebbe interessarti: Quinta Malattia: cause, sintomi e contagio in adulti e bambini



disclaimer attenzione