Autismo infantile: sintomi

-
09/09/2021

Come si manifesta l’autismo? Come ci si accorge che il proprio bambino è autistico?nI neonati di appena 12 mesi di vita possono già mostrare segni di autismo. Questi segni sono talvolta difficili da riconoscere, e i genitori potrebbero confonderli con problemi di udito.

2efb393c-6c27-4e30-9dea-22c826e56633-1

Alcuni bambini potrebbero avere veramente una perdita di udito, ma se il bambino mostra dei segni particolari, propri dell’autismo, dovreste richiedere una valutazione pediatrica.

La diagnosi ufficiale di autismo si può effettuare quando il bambino ha compiuto circa 16 mesi. Ed una diagnosi precoce è molto importante per lo sviluppo del bambino.

Sintomi dell’autismo

Ecco come potete identificare i segni dell’autismo nei bambini piccoli:

1. Ricordate il primo sorriso del vostro bambino. Dai 6 mesi, dovrebbe essere in grado di esprimere  la sua gioia e di sorridere quando si sente felice.

2. Osservate le sue espressioni facciali. Dai 9 mesi, i bambini dovrebbero essere in grado di interagire con gli altri ricorrendo alla mimica facciale facendo le smorfie, il broncio e ricorrendo al sorriso, per dimostrare il loro umore.

3. Ascoltate attentamente il vostro bambino. A circa  1 anno di età, i bimbi dovrebbero ciminciare a balbettare. E’ comune per i bambini  fare suoni ripetitivi, ma dovrebbero essere in grado di praticare diversi tipi di rumori e di ritmi con la lingua.


Leggi anche: Augmentin Bambini: posologia, dose, effetti collaterali indesiderati

4. Esaminate i movimenti del vostro bambino a 12 mesi. Dovrebbe cominciare a fare gesti. Molti bambini iniziano a salutare con le mani e iniziano a indicare gli oggetti che vogliono. Posizionate un giocattolo fuori dalla sua portata, per vedere se lo raggiungerà.

5. Parlate con il vostro bambino durante tutto il giorno. Anche se probabilmente non comprenderà ogni parola che gli direte, riuscirà ad apprenderne il significato. Le prime parole che i bambini incominciano a ripetere dai 16 mesi sono “papà” e “mamma”.

6. Assicuratevi che dopo i due anni siano in grado di mettere insieme gruppi di due o più parole aventi senso compiuto. Dopo i due anni i bimbi devono sapere mettere insieme almeno due parole da soli, senza ripetere le parole dette da altre persone. Le frasi devono avere un senso.

7. Prestate attenzione a possibili regressioni. Alcuni bambini reggiungono dei traguardi, per poi perdere le competenze acquisite in un’età più avanzata.

Come potete individuare invece i segni dell’autismo nei bambini più grandi? Seguite questi passi fondamentali:

1. Osservate l’interazione del bambino con gli altri. I bambini autistici non riecono a sviluppare amicizie con i coetanei. A volte presentano una  mancanza di empatia e non reagiscono ai sentimenti altrui. E’ normale per i bambini autistici  essere disinteressati alla gioia degli altri.

2. Notate le capacità di comunicazione non verbale del bambino. La mancanza di contatto con gli occhi e la mancanza di espressioni facciali potrebbero essere un segno di autismo.

3. Prestate attenzione alla comunicazione verbale del bambino. La presenza di difficoltà ad iniziare o continuare una conversazione potrebbe essere un altro segno. I bambini autistici possono ripetere le frasi più e più volte, e quasi la metà delle persone diagnosticate non parlano.

4. Notate se il bambino mentre gioca si concentra su un solo pezzo di un insieme piuttosto che sull’oggetto stesso. Per esempio, potrebbe fissarsi su un pezzo fisico di una casa delle bambole invece di giocare con tutta la casa.


Potrebbe interessarti: Autismo infantile: cause, sintomi, segnali e fattori di rischio

5. Determinate se vostro figlio è ossessionato da un particolare argomento. La fissazione con un determinato argomento, come i giochi per computer o le targhe delle macchine, potrebbe essere un segnale di avvertimento.

6. Esaminate la routine del vostro bambino. Molti bambini autistici hanno difficoltà a rompere la loro routine. Ad esempio, vostra figlia potrebbe insistere sul fatto di volere stare seduta sulla stessa sedia a cena tutte le sere o potrebbe insistere sul voler mangiare il  cibo in un ordine particolare.

Ricordate infine che non si può diagnosticare l’autismo prendendo in considerazione solo un sintomo, infatti molti bambini possono presentare uno dei segni sopra riportati, pur non avendo nessun tipo di problema.

E’ sempre opportuno rivolgersi ad un pediatra specialista e lasciarsi consigliare sul da farsi per verificare un effettivo autismo.



disclaimer attenzione