Allergie di Primavera: attenzione ai pollini

-
06/10/2021

La primavera è arrivata solo da poco, con il suo sole tiepido e le prime fioriture. Ma, per chi soffre di allergie ai pollini, forse non si tratta proprio della stagione più bella dell’anno.

bambino-allergia

Starnuti, pruriti al naso, lacrimazione agli occhi, mal di testa, sono solo alcuni dei sintomi più frequenti che un essere umano allergico ravvisa quando si trova ad entrare in contatto con gli allergeni tipici della stagione primaverile, cioè i pollini. E le persone che ne soffrono, non sono poi così poche: si parla di ben il 15% degli italiani che in questa stagione non riescono a godersi fino in fondo il risveglio della natura. I sintomi poc’anzi accennati, assumono delle percentuali piuttosto ben definite. Del 15% degli italiani che soffrono di allergie primaverili, ben l’80% presenta forti starnuta menti, il 58% gocciolamenti al naso, il 55% lamenta forti lacrimazioni, il 54% prurito nasale, il 52% prurito oculare, il 38% tosse e il 48% occhi lucidi e congestione nasale. Il direttore della Clinica otorinolaringoiatria dell’Università’ degli Studi di Milano Bicocca, Renato Gaini, fotografa bene la situazione delle persone allergiche nel nostro paese:


Leggi anche: Allergie respiratorie: come riconoscerle e curarle

“Le malattie allergiche respiratorie, come la rinite e l’asma, sono considerate patologie emergenti infiammatorie croniche dei bambini e dei giovani adulti. Si stima che interessino dal 15% al 45% della popolazione mondiale. In Italia, l’allergia colpisce più del 15% della popolazione, ma si stima che nell’ultimo decennio la popolazione allergica abbia subito un incremento massivo passando dal 5% al 20% in alcuni territori, quasi un italiano per famiglia”.

Solitamente, in casi come questi ci si affida soprattutto a farmaci sintomatici di automedicazione, come gli antistaminici. Ma naturalmente, per evitare di entrare troppo in contatto con gli allergeni, si può assumere anche un comportamento di supporto, come ad esempio evitare di avere peluches in casa, arieggiare bene e spesso le stanze ed evitare tappezzerie.


Redazione
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica

disclaimer attenzione